Montagnana e Arquà Petrarca

Montagnana è celebre soprattutto per la sua cinta muraria, anche se, come Monselice ed Este vanta origini molto più antiche risalenti all’età del Bronzo. Si sviluppò poi come centro in epoca romana rivestendo il ruolo di roccaforte difensiva in periodo tardo imperiale e, in seguito, sotto il dominio Bizantino e Longobardo.
Itinerario alla scoperta dei segreti nascosti dentro le mura della città che inizia dal centro storico e permette di ammirare la possente fortificazione per i suoi quattro principali ingressi. Lungo il percorso ci soffermeremo davanti a nobili dimore tra cui: il Castello di San Zeno voluto nel 1242 da Ezzelino III da Romano, la Rocca degli Alberi costruita in epoca Carrarese, Villa Pisani opera del Palladio e il Duomo, la cui architettura complessa armonizza gli elementi gotici con quelli rinascimentali. Proseguiremo poi oltre la Piazza e passeggiando all’ombra dei porticati veneziani raggiungeremo l’Ospedale della Natività con il suo mirabile portale in stile rinascimentale. Poco distante si arriverà alla Chiesa di San Francesco del XIV secolo in cui è conservata una Trasfigurazione della scuola del Veronese e una Madonna con il Bambino di Palma il Giovane.
Da non sottovalutare il fatto che Montagnana è famosa per la produzione del prosciutto: non sarà difficile trovare un posto dove assaporarlo facendo una breve sosta!!!

 Arquà Petrarca è considerato uno tra i più belli e caratteristici borghi dei Colli Euganei che mantiene ancora in gran parte intatto il suo fascino trecentesco. Il suo nome è legato al famoso poeta Francesco Petrarca che decise di trascorrere qui gli ultimi anni della sua vita.

Percorreremo le vie dell’antico borgo medioevale osservando le vecchie case di sassi e mattoni disposte secondo l’andamento irregolare del terreno per farci incantare dall’atmosfera un po’ sognante e incantata che pervade l’abitato rimasto sospeso nel suo passato medioevale. Raggiungeremo la piazzetta inferiore del borgo delimitata dalla Chiesa di Santa Caterina e da trecenteschi palazzi nobiliari: al centro della piazza è situato il sepolcro in marmo rosso del famoso poeta. Nei pressi della piazza potremo ammirare una magnifica fontana duecentesca, Arriveremo poi alla piazzetta superiore sede della Loggia dei Vicari con gli stemmi delle casate nobiliari succedutesi nell’amministrazione del territorio. Proseguiremo poi lungo la salita per raggiungere la Casa del Petrarca costruita nel XIV secolo.

Padova e dintorni Monselice -Este