Villa Cordellina Lombardi


villa_cordellina_venere-e-marteVILLA CORDELLINA
a Montecchio Maggiore Eretta per volontà del giureconsulto veneziano Carlo Cordellina Molin (come Palazzo Cordellina a Vicenza), la villa fu progettata dall’architetto veneziano Giorgio Massari, che si ispirò a moduli palladiani.

I lavori di costruzione durarono dal 1735 al 1742, anno in cui il Massari preparò il progetto per le barchesse, portate a termine verso il 1760. Al progetto collaborò anche l’architetto Francesco Muttoni.

Nel 1743 Giambattista Tiepolo era presente ai lavori contribuendo alla decorazione del salone principale della villa con un ciclo di affreschi ispirati ai fasti di Scipione l’Africano ed Alessandro Magno. Ciò è testimoniato da una lettera che il pittore inviò all’amico Algarotti in cui narra il procedere del suo lavoro.Tiepolo_Cordellina

La villa rimase di proprietà della famiglia Cordellina fino ai primi decenni dell’Ottocento. Dopo essere stata usata anche come sede di allevamenti di bachi da seta e come collegio, nel 1943 il complesso passò al conte Gaetano Marzotto e nel 1954 a Vittorio Lombardi, che promosse un’imponente opera di restauro della residenza e dei giardini annessi.

Nel 1966 la vedova Lombardi cedette la proprietà del complesso alla Provincia di Vicenza, attuale proprietaria. Grazie agli incessanti lavoro di recupero e restauro iniziati nel dopoguerra, il sito è stato infine riportato in anni recenti al suo antico splendore, con la ristrutturazione degli immobili e la risistemazione dei giardini.
La villa è attualmente utilizzata come sede di rappresentanza della Provincia di Vicenza, la quale ha continuato l’opera di restauro intervenendo sugli affreschi del Tiepolo. Il complesso della villa è utilizzato per convegni, concerti ed attività culturali.

Cordellinacordellina_giardino nord

Share